Acquedotto Pugliese approva Bilancio: crescono gli investimenti

146 Visite

Il Consiglio di amministrazione di Acquedotto Pugliese Spa ha approvato il progetto di Bilancio 2020 – report integrato del gruppo – con un valore della produzione pari a 600,5 milioni di euro in crescita del 7% rispetto al 2019. L’utile netto supera per il terzo anno consecutivo i 20 milioni di euro e si attesta a 20,8 milioni, sostanzialmente in linea con il risultato del 2019. Con il piano di investimenti pari a 172,8 milioni di euro, in crescita del più 8% rispetto al 2019, sono stati raggiunti benefici diretti e indiretti per la collettività pari a circa 2,3 miliardi di euro. Il valore aggiunto per gli stakeholders è di 241 milioni di euro a testimonianza del grande impegno messo in campo per generare valore aggiunto sul territorio. Gli appalti banditi sono stati 462 per un totale di 825 milioni di euro e la totalità delle gare si è svolta in modalità telematica con una sostanziale riduzione dei tempi di assegnazione. Piu’ in particolare, gli investimenti realizzati nel corso del 2020 sono così ripartiti: quasi il 40% sulla depurazione (66,2 milioni di euro), il 30% sulla rete idrica (50,5 milioni di euro), seguono gli investimenti sulla fognatura che ammontano a 42,2 milioni di euro. Nel dettaglio cresce il numero totale di fornitori attivi passando dagli 846 del 2018 al numero record di 1.137 del 2020.

Di questi circa l’81% è qualificato e oltre la metà dei fornitori (il 54,4%) è rappresentato da aziende del territorio con effetti positivi sul tessuto produttivo locale. Gli effetti virtuosi di tali investimenti sono stimati in 2,3 miliardi di euro riconducibili al miglioramento dello stato quali-quantitativo della risorsa idrica, l’efficientamento dei sistemi fognari e il potenziamento degli impianti di depurazione a favore del territorio Pugliese storicamente a forte vocazione agricola e turistica. L’attenzione all’ambiente è confermata dalle quasi 3.000 le tonnellate di CO2 risparmiate nel corso dell’anno.

“Acqua, digitalizzazione, sostenibilità e formazione sono – ha sottolineato Simeone di Cagno Abbrescia, presidente di AqP -le quattro direttrici strategiche di sviluppo dell’Acquedotto pugliese nel prossimo futuro. Da oggi al 2023 ci impegniamo nell’ammodernamento della rete, la ricerca di nuova acqua, anche tramite avanzati progetti di dissalazione, nel potenziamento ulteriore della depurazione, nell’impostazione di una smart grid dell’acqua e nella condivisione e messa a fattore comune del nostro know-how specialistico con tutte le realtà del settore tramite la nostra scuola di formazione, l’AQP Water Academy”.

Promo