Itabus parte domani, già venduti 20 mila biglietti

Itabus parte domani. Il nuovo servizio di trasporto passeggeri su gomma a lunga percorrenza ha già venduto 20 mila biglietti. I suoi pullman sono stati presentati oggi al Maxxi di Roma, alla presenza dei ministri dei Trasporti, Enrico Giovannini, del Turismo, Massimo Garavaglia, e per il Sud e Coesione Territoriale, Maria Rosaria Carfagna e dei soci fondatori tra cui Flavio Cattaneo, Giovanni Punzo e Luca Cordero di Montezemolo. Ospite d’onore il bus targato MAN, gruppo Volkswagen, vincitore del premio “Coach of the Year 2020”. La flotta Itabus, che a regime vanterà 300 mezzi di ultimissima generazione, consentirà  di effettuare 350 servizi al giorno e 90 milioni di chilometri annui, generando occupazione con oltre 1000 posti di lavoro tra diretti e indiretti. A bordo presenti tutti i comfort di viaggio (distributori automatici, toilette, prese Usb e di corrente per ogni poltrona) e nel bus bipiano un doppio ambiente Comfort+ e Top, con sedute interamente reclinabili.

La flotta sarà rinnovata periodicamente per garantire un’età media inferiore ai 2 anni. Una costante sperimentazione garantirà sempre l’utilizzo delle ultime tecnologie e delle migliori alimentazioni sostenibili disponibili sul mercato, grazie alla collaborazione con i Partner: MAN con un innovativo sistema garantirà manutenzione, programmata e ciclica del bus, Eni fornirà il gasolio Eni diesel+, contribuendo alla riduzione di emissioni di CO2 rispetto ai carburanti tradizionali e Tim abiliterà e renderà fruibili i servizi internet a bordo 4/5G. La società, sostenuta finanziariamente dall’intervento di Intesa Sanpaolo (attraverso la Divisione IMI Corporate & Investment Banking) guarda quindi all’innovazione e alla sicurezza: due conducenti per i viaggi notturni e di lunga percorrenza e monitoraggio costante del veicolo attraverso una sala operativa attiva h 24 sette giorni su sette.

Da domani 27 maggio Itabus viaggerà sull’intero territorio italiano. Fin da subito serviti Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, EmiliaRomagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino-Alto-Adige, Umbria e Veneto. Nei piani, prevista anche la Sicilia, che verrà collegata al network, e in un’ottica di espansione della propria rete, nel prossimo futuro anche le altre regioni italiane. Sinergia con porti, aeroporti e stazioni ferroviarie e possibilità di viaggiare anche nelle fasce notturne, garantiranno un servizio completo, capillare su tutto il territorio e di collegamento anche dei piccoli centri.

Promo