Ex Ilva: processo per disastro ambientale, oggi la sentenza

184

E’ attesa per oggi, lunedì 31 maggio, a cinque anni dall’avvio del dibattimento, la sentenza del processo chiamato “Ambiente Svenduto” per il presunto disastro ambientale causato dall’ex Ilva di Taranto negli anni di gestione della famiglia Riva. Le parti sono state convocate per le ore 10 nell’aula magna della Scuola Sottufficiali della Marina militare, dove i giudici sono in camera di consiglio dalla tarda serata del 19 maggio scorso.

Il dispositivo sarà letto dal presidente della Corte d’Assise Stefania D’Errico (a latere Fulvia Misserini e sei giudici popolari). Sono 47 gli imputati tra dirigenti ed ex dirigenti del Siderurgico, politici e imprenditori. Al termine della requisitoria, il pm Mariano Buccoliero, ha chiesto 35 condanne per circa quattro secoli di carcere, il non doversi procedere per prescrizione per altri 9 imputati e sanzioni pecuniarie e misure interdittive per le tre società Ilva, Riva Fire e Riva Forni elettrici. Cittadini e associazioni ambientaliste hanno annunciato per domani un sit-in davanti alla Scuola Sottufficiali della Marina a partire dalle ore 9. Chiesti 28 e 25 anni di carcere per Fabio e Nicola Riva, ex proprietari e amministratori dell’Ilva; 28 anni per l’ex direttore dello stabilimento di Taranto Luigi Capogrosso, 20 anni per il dirigente Adolfo Buffo e per cinque ex “fiduciari aziendali”. Sollecitata inoltre la condanna a 5 anni per l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. L’inchiesta sfociò il 26 luglio del 2012 nel sequestro degli impianti dell’area a caldo. La pubblica accusa ha parlato di inquinamento “devastante per l’ambiente e per la salute”.

Promo