Riti e tradizioni a ‘Futuro Arcaico Fest’, a Bari dall’11/6

170 Visite

Opere realizzate da più di 40 artisti provenienti da tutta Italia, che rinnovano la visione della cultura popolare, rituale e magica, attraverso i linguaggi di fotografia, video, suono, illustrazione, mixed media e installazione.

E’ quanto propone la prima edizione di Futuro Arcaico Fest, a Bari da venerdì 11 giugno e fino all’11 luglio. Patrocinato dal Comune e finanziato dalla Regione Puglia, Futuro Arcaico Fest mette in comunicazione tra loro arti visive e performative allo scopo di creare percorsi partecipativi e inusuali, in un viaggio tra le storie italiane alla ricerca delle radici. Al tramonto di venerdì 4 giugno presso ‘Le Macerie’ di Molfetta (via dei Lavoratori, ore 19) battesimo dell’iniziativa con la visual artist e performer Allegra Corbo che darà vita ad una cerimonia di apertura con sculture di fuoco. A seguire, dal 4 al 10 giugno, Futuro Arcaico Fest sarà fruibile nella sua modalità “anteprima”, con la possibilità per il pubblico di assistere a un intervento ‘site specific’, tra i vicoli del borgo antico di Bari, a cura dello street artist Gomez. Successivamente, dall’11 giugno all’11 luglio, saranno ufficialmente aperte al pubblico le esposizioni artistiche indoor al Museo Nuova Era e al Museo Civico di Bari, e outdoor in strade e luoghi di interesse storico-culturale della città.

E ancora, nel programma del Festival anche talk, workshop di serigrafia per ragazzi e un evento di cinema all’aperto con la proiezione delle opere selezionate per la categoria “video” all’interno dell’Arena ExpostModerno di Bari. Le esposizioni indoor e outdoor di Futuro Arcaico Fest saranno inaugurate venerdì 11 giugno con un’esibizione del musicista scozzese Martin Mayes, nell’area antistante il Museo Civico di Bari. La chiusura delle mostre sarà invece salutata, il prossimo 20 luglio, dall’artista lucano Kalura Meridionalismo, che realizzerà nello stesso spazio una performance sulla storia delle carte.

Promo