Sanità: Barone, più infermieri per assistenza disabili Puglia

[epvc_views]

L’Asl Bari, nell’ottica della definizione di un listino unico regionale, si uniformerà alle modalità di acquisizione degli ausili protesici attualmente in uso nelle altre Asl della Regione Puglia. E’ l’esito dell’incontro che si è svolto oggi nella sede della Presidenza regionale, tra una delegazione delle associazioni dei disabili che hanno protestato sul lungomare di Bari, il presidente Michele Emiliano, l’assessore al Welfare Rosa Barone, il direttore del dipartimento Welfare Valentina Romano e il direttore generale della Asl Bari, Antonio Sanguedolce.

Il presidente Emiliano ha preso l’impegno a inserire nel tavolo tecnico regionale sugli ausili protesici un rappresentante delle associazioni delle persone con disabilità. Sul tema dell’assistenza domiciliare, inoltre, l’Asl di Bari si è impegnata sull’ampliamento delle unità infermieristiche dedicate all’assistenza, con priorità ai casi più gravi. Si è stabilito anche che non sussisterà obbligo di permanenza nel domicilio dell’assistito del caregiver in presenza degli operatori in assistenza domiciliare integrata. Con riferimento ai progetti di vita indipendente, il Dipartimento si è impegnato ad individuare soluzioni per facilitare l’accesso all’avviso pubblico, attraverso soluzioni che consentano di garantire un pagamento dilazionato da parte degli Ambiti territoriali, con presentazione di rendicontazione. “Le associazioni delle persone con disabilità – spiega Barone – sanno che siamo aperti al dialogo per migliorare le misure regionali, in modo da risolvere le criticità.

Quello di oggi è stato un ulteriore momento del confronto costante che ho instaurato sin dal mio arrivo in assessorato assieme agli uffici. Siamo consapevoli che possiamo e dobbiamo migliorare, per questo abbiamo istituito il tavolo per le disabilità e stiamo lavorando al prossimo piano regionale delle politiche sociali”.

Promo