Tentò rapina cinque anni fa appena maggiorenne, oggi arrestato

Gli agenti della Squadra mobile di Foggia hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale dauno, nei confronti di un 23enne di Barletta un tentativo di rapina a una gioielleria il 15 dicembre del 2016.

La riapertura del cold case è legata all’acquisizione di nuovi elementi investigativi grazie ai sistemi di ricerca nella banca dati utili per la comparazione fisiognomica delle fattezze fisiche delle persone autori di delitti insoluti con quelle di persone gravate da precedenti specifici. Poi l’identificazione delle vittime e ulteriori riscontri sugli abiti utilizzati per compiere il reato, hanno permesso, nonostante il tempo trascorso, l’identificazione nel 23enne come responsabile di quella tentata rapina.

Quel giorno, dopo essere entrato nella gioielleria fingendosi un cliente, il ragazzo ha estratto un revolver che aveva nascosto nella cinta dei pantaloni e colpito ripetutamente al capo con il calcio della pistola il titolare e un altro dipendente per costringerli ad aprire la cassaforte contenente preziosi. La reazione delle vittime e l’arrivo della polizia mise in fuga il rapinatore, che fece perdere le proprie tracce sino ad oggi.

Promo