Nucleare. Comune di Altamura approva osservazioni contro deposito scorie

Il Consiglio comunale di Altamura (Bari), che si è riunito in via straordinaria, ha approvato le osservazioni relative alla procedura di localizzazione, costruzione ed esercizio del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e parco tecnologico.

Nello specifico, l’assise cittadina ha ribadito il no a ospitare il deposito di rifiuti radioattivi così come previsto dalla Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee a ospitare il deposito nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del Parco tecnologico redatta da Sogin che include due aree ricadenti nel territorio di Altamura e ha fatto proprie le osservazioni contenute nella relazione tecnica (fatta da due avvocati e un geologo) in cui sono individuate una serie “di criticità che rendono inidoneo il territorio di Altamura a ospitare il deposito nazionale di scorie, dal punto di vista tecnico-amministrativo”.

Inoltre, il Consiglio comunale ha autorizzato la sindaca Rosa Melodia a inviare le osservazioni a Sogin, alla presidenza del Consiglio dei ministri, al ministro della Transizione Ecologica, al presidente della Regione Puglia, al presidente della Regione Basilicata, all’assessore all’ambiente della Regione Puglia e all’assessore all’ambiente della Regione Basilicata entro il prossimo 4 luglio come stabilito dalla proroga concessa per la presentazione delle osservazioni.

Il 26 giugno ci sarà un Consiglio comunale congiunto con i Comuni di Laterza (Taranto) e Gravina in Puglia (Bari), altre due aree pugliesi interessate dal depositavo, nel corso del quale saranno approvate le osservazioni prodotte dalla cabina di regia regionale.

Promo