A rischio 77 posti di lavoro nella Tessitura del Salento

188

La Tessitura del Salento Industriale, storica azienda di Melpignano (Lecce) rischia di perdere 77 posti. Per questo Femca Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil hanno immediatamente chiesto un incontro all’azienda potenziale acquirente: il tavolo si terrà nei prossimi giorni.

Nel corso dell’incontro che si è svolto ieri a Bari a cui hanno partecipato anche i dirigenti di Gda e Canepa (l’impresa che intende dismettere il proprio impegno nel Salento) è emerso che a regime la Gda prevede di trattenere 34 lavoratori sui 111 attualmente nel personale: 4 unità sulla linea di produzione del ricamo industriale e 30 su quella della tessitura. La stima dell’azienda è prudenziale: si parla, infatti, di personale a regime nel 2026, senza tener conto di due linee. La prima riguarda i dispositivi di protezione individuale (le mascherine anti-Covid) prodotti da Gda: in base all’andamento della pandemia, potrebbero essere necessarie ulteriori unità. La seconda linea di produzione riguarda borse ed accessori di abbigliamento in pelletteria (linea non ancora avviata).

Al momento è garantito l’accesso alla cassa Covid ed altri ammortizzatori sociali fino a fine 2021, per il 2022 è garantita la cassa integrazione ministeriale. Poi dal 2023 in poi per la stragrande maggioranza del personale si aprirà una stagione di incognite, insicurezza e precarietà. “Restando alle carte, ciò che ha fatto l’azienda è stato un piano plausibile. Ma il personale di Tessitura del Salento non può disperdersi e ridursi al lumicino”, dichiarano i segretari generali provinciali di Femca, Filctem e Uiltec, rispettivamente Sergio Calò, Franco Giancane e Fabiana Signore.

“Comprendiamo la voglia di non presentare un piano dei sogni, ma qualcosa di effettivamente realizzabile. Ma ci aspettavamo contenuti diversi, una progressività nelle assunzioni oltre il 2026 e soprattutto oltre le 34 unità. Sappiamo che ogni posto di lavoro mantenuto, oggi soprattutto, è una conquista. Ma il territorio non può permettersi di perdere quasi 80 posti di lavoro. Per questo abbiamo subito chiesto un incontro alla Gda per entrare nel merito del piano e discuterlo”.

Promo