A New York i repubblicani schierano un candidato sindaco “bare’e’s”

Potrebbe parlare pugliese il prossimo Sindaco di una delle più grandi e importanti città del mondo. A New York infatti il Partito Repubblicano schiera Curtis Silwa, conduttore radiofonico e controverso fondatore dei “Guardian Angels” a supporto del contrasto alla criminalità di strada, che a Agi racconta anche delle sue origini.

Infatti, con l’attuale “mayor”, Sliwa condivide l’origine italiana. “Sono ‘bare’e’s’, come diceva mia madre -scherza-. I miei nonni, Fidelia e Nicolino Bianchino, erano di Andria, Puglia, sull’Adriatico. Ho gli “angels” in sette città italiane, sì il vostro Paese lo conosco molto bene”. E de Blasio? “È un italiano ‘fugaasii’, farlocco -scherza- é uno che vuole sbarazzarsi di Cristoforo Colombo e Madre Cabrini. Sì, lo definirei proprio farlocco”.

L’appoggio dei gruppi di estrema destra come i Proud Boys, che lo hanno ospitato in sede in passato, viene respinto con decisione. “Non mi piacciono -taglia corto- e chi ha assaltato il Congresso il 6 gennaio deve essere arrestato”. Con la vittoria alle primarie democratiche di Adams, il tema criminalità sarà centrale anche tra i liberal. “Se avesse vinto Maya Wiley, che voleva togliere le armi agli agenti -ammette Sliwa- il compito per me sarebbe stato più facile. Con Adams vedremo”. Il 2 novembre 2021 sarà l’Election Day. Il candidato democratico è nettamente favorito, ma quello repubblicano spera di rosicchiare punti sull’onda della delusione dei newyorkesi per de Blasio, compresa la popolosa comunità italoamericana.

Promo