Emergenza cinghiali, il Parco Alta Murgia è pronto a collaborare con gli agricoltori

Il Parco dell’Alta Murgia ha ribadito oggi piena solidarietà agli agricoltori, ma soprattutto la disponibilità concreta a collaborare per contenere l’emergenza”. Lo ha detto il presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, Francesco Tarantini nel corso della manifestazione di protesta contro l’emergenza cinghiali organizzata da Coldiretti Puglia a Bari.

“L’aumento dei cinghiali è un problema non più rinviabile che va affrontato unendo le forze tra Enti, Istituzioni e soggetti portatori di interesse, creando subito una cabina di regia regionale con un approccio organico”, ha aggiunto spiegando che “l’Ente Parco si è attivato modificando il regolamento danni da fauna per aumentare gli indennizzi di risarcimento agli agricoltori”.

Tarantini ha ricordato che “è in corso una strategia di gestione che vede il monitoraggio della specie e il coordinamento delle catture tramite chiusini, in parallelo al progetto pilota FiCiPAM per creare una filiera sostenibile del cinghiale. Un passo avanti decisivo sarà l’approvazione del regolamento delle aree contigue, per esercitare la caccia controllata nelle aree limitrofe al Parco e ridurre così la presenza dell’animale. Alla Regione chiediamo di nuovo di approvarlo quanto prima”.

Promo