Evasione fiscale, sequestrati beni per oltre 300mila euro a ditta di pompe funebri di Taranto

Beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, per un totale di 333 mila euro, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Taranto, in esecuzione di un decreto preventivo, a un’impresa individuale con sede nella città jonica che esercita l’attività di “servizi di pompe funebri”. Il provvedimento è finalizzato alla confisca diretta.

Il provvedimento cautelare, emesso dal gip del Tribunale di Taranto Francesco Maccagnano, su proposta del pubblico ministero della Procura della Repubblica Enrico Bruschi, segue ad una verifica fiscale eseguita dalle Fiamme Gialle joniche nel 2019 nei confronti dell’impresa individuale, conclusasi con la constatazione di ricavi non dichiarati per 867 mila euro e di ricavi non contabilizzati per 137 mila euro e con la denuncia all’Autorità Giudiziaria del rappresentante legale per il reato di omessa dichiarazione.

L’ammontare complessivo del sequestro odierno è pari al totale delle imposte evase.

Promo