Dall’Ospedale Miulli l’iniziativa “Emergenza Sorrisi” torna a Nassiriya

[epvc_views]

Dopo un anno e mezzo di forzata interruzione delle partenze e delle missioni chirurgiche, Emergenza Sorrisi torna a Nassiriya dal 15 al 22 luglio. L’equipe di 13 medici ed infermieri volontari, guidati dal professor Mario Altacera, Chirurgo Maxillo Facciale dell’Ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti (Bari), raggiungerà l’Habobbi Teaching Hospital, per operare in sicurezza – tantissimi bambini affetti da gravi malformazioni del volto.

Un protocollo studiato nel dettaglio assieme ai medici locali e alle istituzioni per garantire il rispetto delle misure di prevenzione legate al Covid-19. “A Nassiriya Emergenza Sorrisi è presente dal 2008 -ricorda Fabio Abenavoli, Chirurgo Plastico e Maxillo-Facciale, Presidente e fondatore di Emergenza Sorrisi- Nel corso degli anni abbiamo formato tantissimi medici locali coordinati dal dott Aws Adel Al Hussona, creando con loro un rapporto di estrema fiducia e collaborazione. Ogni volta che partiamo per le missioni chirurgiche gli ospedali dove operiamo vengono letteralmente assaliti da centinaia di famiglie motivate dalla speranza di una nuova vita per i loro bambini. È praticamente impossibile non creare assembramento”.

“Abbiamo deciso di organizzare la missione della ‘ripartenza post pandemia’ proprio a Nassiriya, perché sappiamo di poter contare su un’organizzazione perfetta. È stato impostato uno screening preventivo per pianificare le giornate operatorie e ad ogni cittadino è stato indicato quando presentarsi in ospedale proprio per evitare pericolosi affollamenti. In questo anno e mezzo di stop, abbiamo investito le nostre forze nella formazione a distanza, potenziando l’uso della tecnologia attraverso un caschetto chirurgico dotato di fotocamera frontale che ci permette di guidare i medici locali nelle operazioni anche a migliaia di chilometri di distanza. Siamo davvero emozionati e felici di poter finalmente tornare in missione, e ci auguriamo che questo sia un autentico nuovo inizio”.

Emergenza Sorrisi dedica questa missione al dottor Aldo Boglione, stimato medico chirurgo, grande amico e sostenitore dell’iniziativa, che si è sempre contraddistinto per le sue profonde doti di umanità e professionalità. Aldo non c’è più, ma ha scelto di donare i suoi preziosi strumenti chirurgici -con cui ha cambiato la vita di tante persone- ai nostri colleghi iracheni, che nella sua memoria restituiranno il sorriso a tanti bambini. Durante la missione chirurgica il team di Emergenza Sorrisi -oltre ad offrire cure mediche specialistiche ai tanti bambini, che soffrono di malformazioni congenite al volto- affiancherà come sempre i medici locali in un percorso di formazione volto a trasferire tutto il know how italiano a livello sanitario. La missione è stata organizzata con il supporto del direttorato della sanità del Thi Qar e dell’ambasciata Iraq a Roma. Parte dei biglietti aerei del team sono donati da Flying Angels e la missione si avvale del contributo delle aziende, Cochlear e Centro Style S.p.A.

Promo