Piemontese firma a Brindisi primo contratto di fiume sud Italia

[epvc_views]

“La foto di gruppo dei sottoscrittori del primo Contratto di Fiume della Puglia e del Sud Italia ben rappresenta l’entusiasmo e le aspettative che siamo riusciti ad aggregare intorno al Canale Reale e al suo potenziale di sviluppo all’insegna della sostenibilità e della qualità”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Puglia e assessore alle Risorse Idriche, Raffaele Piemontese, siglando ieri, nella Sala del Governo del Palazzo della Provincia di Brindisi, il Contratto di Fiume del Canale Reale, insieme al presidente della Provincia e sindaco di Brindisi Riccardo Rossi.

Il Contratto lega altri 28 soggetti pubblici e privati: l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce, l’Agenzia Regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio della Regione Puglia, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, l’Autorità Idrica Pugliese, Acquedotto Pugliese, i Comuni di Brindisi, Carovigno, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Oria, San Vito dei Normanni e Villa Castelli, il Consorzio di Bonifica di Arneo, il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, il Gruppo di Azione Locale Alto Salento 2020, il Politecnico di Bari, l’Università del Salento, l’Università degli studi di Bari, l’Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR, la Libera Università di Amsterdam, l’Istituto di Ricerca CLUE+, l’Ordine degli Architetti della provincia di Brindisi, Cicloamici FIAB Mesagne, l’Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo, il Consorzio ASI di Brindisi e il Comitato Mesagne per la Ricerca.

Promo