Cementitaly verso dismissione stabilimento Taranto, Perrino (Fratelli d’Italia): “Necessario un compromesso”

“Dopo oltre 60 anni di attività, a Taranto la Cementitaly, gruppo Italcementi, dismette definitivamente lo stabilimento e avvia il licenziamento di 51 lavoratori, di cui 8 impiegati, 10 intermedi e 33 operai”. Lo dice il consigliere regionale della Puglia, Renato Perrini, di Fratelli d’Italia, in una nota. Perrini ha chiesto l’audizione in VI commissione regionale dell’assessore pugliese allo sviluppo e attività economiche, Alessandro Delli Noci, e di Leo Caroli della task force regionale per l’occupazione. “È necessario giungere a un compromesso che restituisca lavoro e dignità ai lavoratori e definisca il futuro di quegli spazi”, sostiene il consigliere.

“Il licenziamento, verosimilmente, avverrà a metà settembre con la scadenza della cassa integrazione straordinaria”, dice. “Si apre per Taranto un’altra brutta pagina del settore industriale e sociale che riguarda non solo i 51 lavoratori licenziati che equivalgono ad altrettante famiglie destinate a finire per strada, ma anche il destino del sito su cui insiste lo stabilimento”, prosegue.

“La procedura di riduzione del personale sembra essere l’ultima ed unica via ad oggi percorribile, ma la storia ci insegna che tentarle tutte porta quasi sempre ad una soluzione positiva”, conclude Perrini.

Promo