Scuola, Sasso: “Ci battiamo per didattica in presenza”

“La scuola deve riprendere in presenza, senza se e senza ma. Altrimenti la nostra presenza al governo sarebbe davvero inutile. Noi ci battiamo per la didattica in presenza. La didattica integrata a distanza si è rivelata fallimentare. All’epoca era l’unica possibilità ma oggi abbiamo molti strumenti”. Lo ha detto il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso (Lega), a margine di una conferenza stampa relativa all’ipotesi di trasferire parte degli uffici comunali nella scuola Del Prete di Bari.

“Questo governo -ha aggiunto Sasso- ha stanziato centinaia di milioni di euro per la messa in sicurezza, impianti da reazione, sistemi di ventilazione meccanica, e per dare agli enti locali la possibilità di avere nuovi ambienti. Purtroppo, come certificato dai dati Invalsi, c’è stata una deprivazione culturale dovuta alla ‘non didattica a distanza’ soprattutto nelle regioni in cui le scuole sono state maggiormente chiuse, Puglia e Campania”.

“I dati parlano di dispersione, di lacune che vanno recuperate -ha concluso- e si possono recuperare soltanto con le lezioni frontali”.

Promo