Carceri, è il boss Cicala il detenuto agevolato dalla direttrice di Taranto

[epvc_views]

Sarebbe Michele Cicala, esponente di spicco della criminalità di Taranto e a capo dell’omonimo clan, il detenuto, presente nel carcere di Taranto, nei confronti del quale il Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del ministero della Giustizia, contesta condotte irregolari alla direttrice dell’istituto di pena, Stefania Baldassarri. Per tale ragione, la Baldassarri è stata sospesa dall’incarico di direttrice del carcere di Taranto con un provvedimento del capo del Dap, Bernardo Petralia.

Cicala, lo scorso 12 aprile, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza nell’ambito di una maxi operazione che ha coinvolto le mafie del Salernitano, del Leccese e del Tarantino, riguardante i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, associazione a delinquere finalizzata alla commissione di frodi in materia di accise e Iva negli oli minerali, intestazione fittizia di beni e società, riciclaggio e autoriciclaggio, nonché impiego di denaro di provenienza illecita.

Promo