Primo utente con banda ultralarga collegato nel Salento

[epvc_views]

La digitalizzazione è dolce nel tacco d’Italia. Anche e soprattutto nel Sud Salento, area dalla forte potenzialità produttiva al centro di importanti investimenti infrastrutturali. È proprio un’azienda salentina, insediata nell’area industriale di Presicce, il primo utente pugliese della nuova rete di telecomunicazioni pubblica a banda ultralarga.

Nell’ambito del Piano Strategico Bul varato da Infratel Italia – società in house del Ministero dello Sviluppo Economico – e attuato dal concessionario Open Fiber con la supervisione di Regione Puglia, la fibra ottica ultraveloce è stata installata all’interno dello stabilimento dolciario Martinucci. L’impresa ha più di 70 anni di storia capace di esportare prelibatezze salentine in oltre 30 Paesi del mondo, può adesso sviluppare l’innovazione dei suoi processi produttivi attraverso la migliore tecnologia disponibile sul mercato, il servizio in modalità Ftth (Fiber-to-the-home, la fibra stesa fin dentro le singole unità immobiliari) con velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo. Assegnato nell’aprile 2019, il bando da 34,5 milioni destinati allo sviluppo digitale pugliese è entrato nella fase operativa coi primi cantieri aperti in pieno lockdown.

Entro il 2023 saranno coperte da infrastrutture a banda ultralarga 103mila unità immobiliari, individuate in seguito a consultazione ministeriale tra le cosiddette aree a fallimento di mercato di 256 comuni, con particolare attenzione verso le aree industriali in divario digitale

Promo