SkyTg24-Mille tombe di Canosa, milioni di pezzi trafugati all’estero

164

“Siate i benvenuti in quella che fu la mia ultima dimora”. Ci fu un tempo, qualche millennio fa, in cui Canosa di Puglia era ritenuta la città più importante del Meridione e i suoi abitanti, il popolo italico dei Dauni, erano così ricchi da riempire di vasi, di ori e statue decine di tombe a camera scavate nel tufo.

Tombe grandi come abitazioni che esistono ancora sotto i palazzi, i condomini e le scuole della città. “Davanti a me Cerbero, il guardiano del mondo dei morti, colui che è guardia dell’Imes, del confine fra noi e voi”. Cerbero, un affresco disegnato sul frontone di una tomba, meglio dire ipogeo, saccheggiata dai tombaroli. Quasi tutte le tombe ormai sono vuote. Trovate ben poco dei vasi, dei crateri che c’erano una volta e che invece potete ammirare nei musei di tutto il mondo.

“Dappertutto ci sono vasi di Canosa, vasi e reperti archeologici canosini. Se sono lì in maniera lecita, se ovviamente sono invece stati trafugati in maniera illecita dal nostro territorio è bene che lo Stato italiano, attraverso le proprie sovrintendenze, richieda la restituzione di questi reperti”. Ecco, guardate qui, questo è il classico buco dei tombaroli. In questo ipogeo, lo Scocchera B, il defunto era accompagnato da otto oranti canosine. Si tratta di statue femminili di circa un metro. Ce ne sono almeno 48 in giro per il mondo. A Canosa ne è rimasta una. Queste tre invece si trovano a Taranto e provengono dal sequestro al trafficante Gianfranco Becchina. Queste altre invece sono in bella mostra sul sito del Getty Museum, riconducibili ad un altro trafficante di opere d’arte: Giacomo Medici. La Puglia è stata saccheggiata, è stata depredata dei suoi tesori. “Proprio per questo faccio questo appello, per due motivi, come Lino Banfi, attore più o meno conosciuto, come Pasquale Zagaria, cittadino pur nato ad Andria ma vissuto a Canosa di Puglia: beh, se qualcuno di voi veramente, nel piccolo, mi vuole bene e vuole bene a questo paese, trovate questi che hanno… cercate di farli tornare all’origine, sennò non avremo mai un turismo che viene a visitare gli ipogei di Canosa, mi sono spiegato? Ciao, grazie, grazie”.

Guarda il servizio di John Pedeferri per SkyTg24: https://video.sky.it/news/cronaca/video/mille-tombe-di-canosa-milioni-di-pezzi-trafugati-allestero-691071

Promo