Omicidio ex carabiniere, polvere da sparo su armi sequestrate

139 Visite

Dagli esami dei carabinieri del Ris di Roma arrivano elementi utili alle indagini sull’omicidio di Silvano Nestola, carabiniere in congedo di Copertino in provincia di Lecce, ammazzato con 4 colpi di fucile la sera del 3 maggio scorso, mentre usciva col figlioletto di 11 anni dalla casa della sorella. Su tre delle armi sequestrate agli indagati, i militari e gli esperti del team capitolino hanno isolato tracce di polvere da sparo.

Sono state Trovate particelle anche su un bossolo calibro 12, una camicia e un berretto sequestrati con altri indumenti e attrezzi. Gli esiti degli accertamenti tecnici sono confluiti nel fascicolo dei pubblici ministeri titolari dell’inchiesta, Paola Guglielmi e Alberto Santacatterina. Nel registro degli indagati, con l’accusa di omicidio volontario premeditato, è iscritta una coppia di San Donaci, in provincia di Brindisi: Michele Aportone di 70 anni e la moglie Rossella Manieri di 62, genitori di una donna con la quale la vittima aveva avuto una relazione in passato.

Promo