Leonardo, Cassese (Movimento 5 Stelle): “Garantire nuove lavorazioni a Grottaglie”

148 Visite

“È stata confermata l’annunciata cassa integrazione ordinaria, che coprirà i prossimi due anni, con l’impegno da parte di Leonardo di introdurre in questo arco temporale ulteriori lavorazioni aggiuntive. È importante che ciò avvenga”. Lo sottolinea il deputato tarantino Gianpaolo Cassese (M5s), dopo l’incontro a Roma tra la Divisione Aerostrutture di Leonardo e le rappresentanze sindacali dei lavoratori dei quattro siti del Sud: Grottaglie, Foggia, Nola e Pomigliano D’Arco.

Nel corso della riunione “l’azienda -osserva Cassese- ha confermato gli investimenti legati al progetto del nuovo drone militare EuroMale, che prevede la progettazione e parte della produzione a Grottaglie, superando finalmente il problema annoso della monocommittenza. Un dato positivo dunque, anche se gli effetti sul piano delle garanzie occupazionali si vedranno a partire dal 2025”.

I lavoratori dello stabilimento Leonardo di Grottaglie ieri hanno tenuto un sit-in nella capitale “per far sentire la loro voce -aggiunge il deputato – contro l’utilizzo della cassa integrazione, a favore di soluzioni alternative. Continuerò ad interloquire con la dirigenza ed investirò anche il Governo perché l’azienda attui una redistribuzione dei carichi di lavoro, che in altri stabilimenti sono elevati. Come sappiamo Leonardo spa non si occupa solo del settore aerostrutture ma di molteplici rami produttivi, cosa che renderebbe praticabile un investimento sullo stabilimento di Grottaglie anche a partire da eventuali altre produzioni”.

L’incontro fissato “tra le parti per il prossimo 11 ottobre -conclude- affronterà anche il tema degli ammortizzatori sociali, delle eventuali integrazioni salariali e di come tutto cio’ verrà gestito senza escludere in alcun modo i lavoratori indiretti”.

Promo