Via libera ai test per diagnosi del tumore al seno negli ospedali pugliesi

162 Visite

La Giunta regionale pugliese ha oggi approvato l’esecuzione negli ospedali dei test genomici per la diagnosi precoce del carcinoma mammario. “Questi strumenti -spiegano dalla Regione- hanno la capacità di identificare pazienti alle quali non è possibile assicurare un significativo beneficio con l’utilizzo della chemioterapia, e quindi supportano il clinico e la paziente nell’obiettivo di evitare l’esposizione agli effetti tossici dei chemioterapici durante e dopo il trattamento”.

L’utilizzo di questi test potrebbe comportare una riduzione dal 50 al 75% del ricorso alla chemioterapia, riducendo i relativi costi sociali e gestionali. La Puglia investirà 1,2 milioni di euro ed è stato individuato l’Irccs “Giovanni Paolo II” di Bari quale istituto che dovrà fare il bando unico per l’acquisto dei test.

Promo