Caporalato, al processo per la morte di Paola Clemente parenti e Regione Puglia ammessi come parte civile

201 Visite

“Nel processo al Tribunale di Trani a carico di Luigi Terrone, titolare dell’azienda Ortofrutta di Corato per la quale lavorava Paola Clemente, la bracciante agricola originaria di San Giorgio Jonico che, colta da infarto, morì a 49 anni il 13 luglio 2015 in un vigneto di Andria, sono state ammesse le costituzioni di parte civile del fratello e della sorella della vittima (tramite l’avv. Giovanni Vinci), della Regione Puglia (attraverso l’avv. Viola Messa) e del Comitato “12 giugno” Vittime del Lavoro, del Dovere e del Volontariato di Taranto (tramite l’avv. Antonella Notaristefano)”.

Lo dichiara oggi lo stesso Comitato “12 giugno” di Taranto che prende il nome da una data simbolo che anni fa registrò nell’ex Ilva un incidente con due morti sul lavoro.

Promo