Uomo trovato morto a Lecce sabato scorso, svelata l’identità

231

La Scientifica è riuscita a dare un nome al cadavere di un uomo trovato sabato scorso su un albero, in via San Pietro in Lama a Lecce. Se permangono ancora dubbi sulle cause del decesso, non ve ne sono più sull’identità.

Si tratta infatti di un cittadino del Mali, di 30 anni, con permesso di soggiorno rilasciato dalla questura di Bari, che da tempo però stazionava a Lecce. Nonostante lo stato di corificazione del cadavere, simile ad una muffa a causa della data del decesso, gli esperti al lavoro da 4 giorni sono riusciti a capire chi fosse. L’uomo, di grossa corporatura, era stato denunciato più volte per aver dato in escandescenza e aver creato problemi di ordine pubblico.

Il trentenne inoltre era stato ricoverato anche presso il reparto di psichiatria dell’ospedale di Lecce, questo avvalora in parte l’ipotesi di suicidio. Per avere certezze sulle cause reali del decesso occorrerà aspettare l’esito dell’esame autoptico disposto dal magistrato.

Promo