Nuovo ospedale San Cataldo a Taranto, la fine dei lavori prevista slitta a maggio 2022

800

I lavori per la costruzione dell’ospedale San Cataldo di Taranto termineranno il prossimo 2 maggio e non il 24 gennaio come stimato. Attualmente è stato completato il 52 per cento delle opere mentre il prossimo 15 dicembre scadrà il termine per il deposito della consegna delle manifestazioni d’interesse. È quanto emerso nel corso della seduta congiunta della I (Bilancio) e III (Sanità) commissioni del Consiglio regionale della Puglia in cui, come sempre ogni mese, è stato fatto il punto dei lavori relativi ai nuovi ospedali regionali.

Sul project financing per i servizi legati alla ristorazione, mensa, locali commerciali e copertura dei parcheggi per il presidio ionico, scadrà il 15 dicembre il termine per il deposito delle proposte di interesse. Data che sarà valida anche per l’ospedale di Andria: allora infatti è prevista la conferenza dei servizi con gli enti interessati per la variante urbanistica ed entro marzo 2022 sarà avviata la gara per la progettazione esecutiva.

I lavori dell’ospedale di Monopoli – Fasano, nel Barese, sono al 36 per cento dell’opera, con un andamento costante e una forza lavoro pari a 170 maestranze, la cui media registrata è di 141 unità su un turno. Da parte del responsabile unico del procedimento (Rup) è stato predisposto un ordine di servizio per incrementare le unità lavorative da utilizzare su più turni, compreso il notturno. Definito un impegno di spesa pari a 12 milioni sulla viabilità.

Per quanto riguarda la realizzazione dell’ospedale salentino di Maglie-Melpignano, il Rup ha comunicato che sono state presentate sei offerte per l’aggiudicazione della progettazione dell’opera. Il prossimi aggiornamenti sono previsti tra i 30 e i 60 giorni.

Promo