Lecce, in mostra la storia della tessitura Salentina

82 Visite

Inaugurata il 3 dicembre nel Convitto Palmieri di Lecce, la mostra “le anime del tessile” sarà visitabile fino al 3 giugno 2022. L’esposizione si inserisce in una più ampia programmazione del Polo biblio-museale di Lecce incentrata verso la rilettura di storie significative che hanno caratterizzato il Salento tra Ottocento e Novecento con risvolti di respiro nazionale e internazionale.

La mostra prende vita nell’ambito del progetto “Dal passato al futuro. Storia e attualità di una eccellenza femminile che fa impresa”, vincitore del concorso “Future in research“, promosso dalla Regione Puglia e realizzato con il Dipartimento di Storia società e studi sull’uomo dell’Università del Salento.

A cura di Elena Laurenzi e Brizia Minerva, l’esposizione racconta la storia della genesi della Fondazione Le Costantine di Uggiano La Chiesa e ne ricostruisce la storia attraverso una ricerca documentaria che risale alle donne della famiglia De Viti de Marco-Starace e la rete dei rapporti che esse stabilirono, nell’ambito delle Industrie Femminili Italiane, con scuole e laboratori tessili in Italia e all’estero, mettendo, così, la tessitura salentina al centro di un circuito internazionale.

Nel percorso della mostra si segue lo sviluppo di un progetto che intreccia una sapienza tecnica antichissima, accuratamente custodita e coltivata. A essere esposte sono foto in bianco e nero e a colori, alcuni pezzi delle collezioni private di Joe e Eileen Coppola, di Gabriele e Giulia Malinconico, disegni e opere originali di ricamo e tessitura di Carolina de Viti De Marco e di Lucia Starace. Nella seconda sala si potranno trovare un telaio storico ed artefatti tessili del laboratorio delle Costantine, tra cui alcuni capi realizzati da Christian Dior per la sfilata Cruise 2021, tenutasi a Lecce il 22 luglio 2020.

Promo