Inchiesta sul caporalato, il prefetto Michele Di Bari si dimette anche dal Cda della fondazione “Casa Sollievo della Sofferenza”

[epvc_views]

L’ex responsabile del dipartimento Immigrazione del Viminale, Michele Di Bari si è anche dimesso dalla carica di consigliere ricoperta nel cda della fondazione “Casa sollievo della sofferenza” di San Giovanni Rotondo (Foggia).

Lo rende noto la stessa Fondazione spiegando che “a seguito delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto Rosalba Livrerio Bisceglia, moglie di Michele Di Bari” l’ex prefetto “ha rimesso il suo mandato di Consigliere nelle mani del Segretario di Stato di Sua Santità, cardinale Pietro Parolin, che ha accettato con riserva le dimissioni”.

La moglie di Di Bari la scorsa settimana è stata coinvolta nell’indagine sul caporalato condotta dai carabinieri con altre 15 persone.

Promo