Casa, Uil: “A Lecce stangata Imu sulle famiglie”

[epvc_views]

“Una stangata che si abbatte sulle famiglie in un momento di grande difficoltà”. È quanto afferma il segretario generale della Uil di Lecce Salvatore Giannetto, commentando i dati del rapporto Imu 2021 da cui emerge che nel capoluogo salentino si pagherà mediamente 621 euro per una seconda casa, 86 euro in più rispetto al dato nazionale. La media nazionale dell’aliquota applicata per le seconde case ammonta al 10,5 per mille mentre a Lecce è pari all’11 per mille.

Per il sindacato, Lecce registra comunque la spesa Imu più bassa tra i capoluoghi di provincia pugliesi: a Bari, infatti, si pagano in media 1.702 euro (851 euro per la rata di dicembre), a Brindisi 1.344 euro (672 euro il saldo), a Taranto 1.289 euro (645 euro il saldo) e a Foggia 1.487 euro (744 euro il saldo).

“Questi dati confermano l’esigenza di porre rapidamente mano a una revisione della tassazione sulla casa di cui la componente Imu è una delle più importanti -sottolinea Giannetto- è opportuno che le modifiche vengano apportate organicamente riaprendo il cantiere del federalismo fiscale, riforma prevista tra l’altro nel Piano nazionale di ripresa e resilienza”.

Promo