Beccato con la droga tenta di corrompere i carabinieri: 200 euro a testa per “chiudere un occhio”. Un arresto a Massafra

24 Visite

Pur di evitare la denuncia all’autorità giudiziaria e relative conseguenze penali, un giovane di Massafra è finito agli arresti per aver tentato di corrompere due carabinieri durante un controllo. Sorpreso con una modica quantità di droga, un 29enne del luogo ha opposto resistenza alla perquisizione da parte dei carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del Comando Compagnia di Massafra (Taranto) che, impegnati nel servizio di presidio territoriale finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno sottoposto a fermo il sospettato. Nella serata di ieri i militari hanno notato un ragazzo che, a bordo della sua auto parcata in una via del centro cittadino, assumeva atteggiamenti anomali alla vista della pattuglia, allertati, decidevano di effettuare un controllo di rito.

Intimatogli di scendere dall’auto, il 29enne opponeva resistenza alla perquisizione che dava successivamente riscontro positivo confermando la fondatezza dei sospetti degli investigatori. Con estrema difficoltà, i carabinieri rinvengono 15 grammi di hashish che il giovane cercava di occultare nella mano destra per sfuggire alla denuncia e all’arresto. Ormai alle strette, il 29enne mette in atto un escamotage per persuadere i militari a desistere dal deferirlo all’autorità giudiziaria, aggravando ulteriormente la sua posizione già compromessa. Decideva di offrire 200 euro a ciascuno di essi per trovare un accordo all’italiana, insomma, “chiudere un occhio” sull’esito del controllo.

A quel punto, indotti al parossismo, i carabinieri facevano scattare le manette ai polsi del 29enne dichiarandolo in stato di arresto per le ipotesi di reato di istigazione alla corruzione, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio. Arrestato in flagranza di reato, il giovane massafrese, su disposizione del Pm di turno, veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Promo