Covid, dalla Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo uno studio rivela: rischio elevato per pazienti con disfunzione renale

205 Visite

I pazienti affetti da Covid-19 con ridotta velocità di filtrazione glomerulare (Gfr, un indice di funzionalità renale) hanno un incremento del 64% del rischio relativo di morte o di ingresso in terapia intensiva. Lo studio, fatto da internisti, nefrologi e neurologi dell’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia), è stato pubblicato sul Journal of Clinical Medicine e contiene indicazioni sia per i pazienti affetti da malattia renale sia per i medici di area Covid.

Secondo lo studio, che ha preso in esame le cartelle cliniche di 254 pazienti ricoverati per Covid a San Giovanni Rotondo durante la prima ondata pandemica, la disfunzione renale, identificata da una ridotta velocità di filtrazione glomerulare (Gfr) al momento del ricovero, è predittiva di outcome sfavorevole. Questi pazienti, che hanno un maggior rischio di ingresso in terapia intensiva e di morte, vanno monitorati con maggiore attenzione e a loro vanno rivolte cure più “aggressive” sin dall’inizio.

“Da questa ricerca possiamo trarre 2 indicazioni molto chiare -spiega Salvatore De Cosmo, direttore dell’Unità di Medicina Interna dell’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza e coordinatore dello studio-. La prima è che, come stanno già facendo le società scientifiche di Nefrologia, i pazienti affetti da malattia renale devono essere messi a conoscenza del rischio che potrebbero correre contraendo l’infezione da Sars-cov-2, e di conseguenza dovrebbero essere molto attenti nell’evitare l’infezione, ad esempio vaccinandosi al più presto se non l’hanno ancora fatto. La seconda indicazione è per i medici di area Covid-19: un basso valore di Gfr al momento del ricovero in ospedale è un campanello d’allarme da non trascurare. Questi pazienti devono essere considerati ad alto rischio di deterioramento clinico e di morte, e pertanto trattati con terapie aggressive”.

Promo