Pusher consegnava droga a domicilio con il monopattino, arrestato 33enne di Taranto

520 Visite

È finito in manette un 33enne pregiudicato di Taranto, colto in flagranza di reato per spaccio di sostanze stupefacenti dal Nucleo speciale dei Falchi che da settimane avevano focalizzato la loro attività investigativa sul pusher già noto alla giustizia per recidiva di reati in materia di droga. I poliziotti, da alcune settimane, avevano notato che il giovane aveva ripreso a gestire il suo giro di spaccio con l’ausilio di un monopattino elettrico che lo agevolava nella consegna delle dosi a domicilio dei clienti assuntori di droga.

I Falchi, effettuati costanti appostamenti e pedinamenti, hanno scoperto che il pusher si muoveva in città a bordo del suo monopattino e di volta in volta faceva spola in una palazzina dove i militari supponevano si rifornisse della sostanza da spacciare. Il 33enne aveva stabilito la sua base operativa per condurre il traffico di droga in un angusto locale all’ultimo piano di un condominio di via Oberdan. Ignaro di essere sotto osservazione, lo spacciatore proseguiva nella sua attività di spaccio e, al momento propizio, quando i Falchi notano atteggiamenti circospetti del 33enne prima di entrare nel palazzo, si fiondano sul pusher, obbligandolo a salire all’ultimo piano dello stabile.

All’interno del locale, base operativa dello spaccio, i militari procedevano ad una prima perquisizione personale rinvenendo negli indumenti intimi dello spacciatore un involucro di cellophane contenente 14 stecchette di hashish, oltre vari tocchetti della stessa sostanza stupefacente e 10 euro in banconote.

Anche l’ispezione del locale dava il riscontro ipotizzato in fase di indagini: i Falchi rinvengono tre panetti e altri piccoli frammenti di hashish per un peso complessivo di circa 300 grammi e il materiale utile al confezionamento delle dosi. L’operazione antidroga si è estesa anche presso l’abitazione privata del 33enne pregiudicato, sita nel circondario del locale di via Oberdan, in cui i poliziotti recuperano più di 500 euro in contanti, considerati illecito provento dell’attività di spaccio e posti sotto sequestro. Dopo le formalità di rito, il pusher 33enne di Taranto, tratto in flagranza di reato, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Promo