Acquaviva delle Fonti, rievocazione medievale del presepe vivente

[epvc_views]

Le stradine del centro storico di Acquaviva delle Fonti si arricchiscono del tradizionale presepe giunto alla sua seconda edizione. A rendere l’atmosfera magica ci penserà l‘insediamento rupestre della grotta preistorica di Curtomartino che ospiterà la sacra rappresentazione in programma fino a mercoledì 5 gennaio.

L’originalità del presepe vivente rivive nel percorso allestito all’interno di una cornice naturale unica che ospiterà le varie scene, rievocando il primo presepe vivente di San Francesco d’Assisi ambientato nel XIII secolo.

L’evento, organizzato dall’associazione teatrale “Fili D’Argento”, direzione artistica Maria Antonietta Favia, ha l’intento di promuovere il territorio, valorizzare usi e costumi locali ed accendere i riflettori sulla “memoria storica dei luoghi”.

Il tutto sarà allietato dalle tradizionali nenie di Natale, che accompagneranno all’interno di appositi stand i visitatori che potranno gustare i prodotti enogastronomici della tradizione natalizia.

L’iniziativa, curata dall’Associazione Teatrale Fili D’Argento, è patrocinata in sinergia con il Comune di Acquaviva delle Fonti, il GAL Sud-Est Barese, il D.U.C. – Distretto Urbano del Commercio, la condotta Slow Food Acquaviva delle Fonti e la Confguide-Confcommercio Bari BAT in collaborazione con il Centro Aperto Polivalente per Anziani.

 

 

Promo