Ecosistema Salpi, un progetto per prevenzione e cura dei tumori che valorizzerà le saline di Margherita di Savoia

477 Visite

Si chiama “Ecosistema Salpi: salute, ambiente, lavoro per l’innovazione del Mezzogiorno”, il progetto presentato dall’istituto tumori di Bari, dal Comune di Margherita di Savoia e Ati sale con il sostegno delle università di Bari e Foggia, è tra le 171 idee candidate al bando “Ecosistemi di innovazione”, finanziato dal fondo complementare al Pnrr con 350 milioni di euro, interamente riservati a contesti urbani marginalizzati delle regioni meridionali.

L’idea progettuale ha al centro la salina di Margherita di Savoia che sarà rifunzionalizzata con la realizzazione di un centro polifunzionale che possa rappresentare da un lato un polo scientifico di ricerca e formazione e dall’altro possa fare da acceleratore e incubatore di imprese innovative e spin-off universitari, supportando le realtà che vedono nella ricerca e nell’innovazione il proprio asset strategico. Dal punto di vista scientifico si studieranno i benefici della terapia del sale per la salute e la relazione tra sale e cancro.

“Con il progetto -dichiara il direttore dell’istituto tumori Bari Giovanni Paolo II” Alessandro Delle Donne- istituto tumori e Asl Bat indagheranno non solo la relazione “negativa” fra sale e tumore ma anche la “positiva” ovvero come il sale può essere usato per prevenire o addirittura curare il tumore. Un progetto incredibile da 90 milioni di euro nato da una semplice conversazione tra me e il sindaco di Margherita di Savoia, molto articolato in cui far convergere ricerca, salute, innovazione e ambiente”.

“La prospettiva è quella di fare della città delle saline un attrattore culturale multifunzionale, un centro di conoscenze e competenze tecnologiche e imprenditoriali. Un acceleratore sociale ed economico per l’intero territorio, capace di produrre nuove e più qualificate opportunità di lavoro”, conclude il sindaco di Margherita di Savoia, Bernardo Lodispoto.

Promo