Aveva rapinato una gioielleria a Brindisi, si trovava in affidamento ad una comunità ma viola le disposizioni del giudice. In carcere 32enne

145 Visite

I carabinieri di Vasto (Chieti) hanno arrestato un 32enne, di origine albanese con numerosi pregiudizi penali e di polizia soprattutto per reati contro la persona e contro il patrimonio, già in affidamento in prova in una comunità vastese. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dall’Ufficio di sorveglianza di Campobasso, competente alla verifica del rispetto delle misure alternative.

Gli è stata sospesa la misura dell’affidamento ai servizi sociali, di cui ha beneficiato il 32enne, da marzo, per scontare una condanna per rapina in una gioielleria consumata a Brindisi nel 2017. Il giovane deve scontare 7 anni e 4 mesi in base alla somma di diverse condanne risultata da un sistema di cumulo definitivo di pene.

Il ragazzo avrebbe dovuto seguire un programma di reinserimento sociale, affiancato da alcuni operatori con una serie di autorizzazioni a spostarsi in Abruzzo e Molise per partecipare alle attività del programma riabilitativo, ma ha violato le disposizioni per questo il magistrato ne ha disposto la carcerazione nell’istituto di pena di Lanciano (Chieti).

Promo