Corruzione alla Protezione Civile di Puglia, la Guardia di Finanza passa al setaccio mail e chat negli uffici della Regione

285 Visite

Nuove acquisizioni della Guardia di Finanza di Bari negli uffici della Regione Puglia nell’ambito dell’inchiesta sulle gare della Protezione civile regionale affidate negli ultimi cinque anni e, in particolare, quelle legate all’emergenza pandemica, tra le quali l’ospedale Covid nella Fiera del Levante.

Dal 7 febbraio, con la notifica di un decreto di perquisizione, i finanzieri -su delega della Procura- stanno acquisendo i documenti relativi “all’intero procedimento per l’affidamento e l’esecuzione di appalti, dalla fase istruttoria riguardante la selezione del contraente sino all’esecuzione del contratto”. Per raccogliere tutte le carte e i file da analizzare per accertare eventuali irregolarità sono tornati negli uffici regionali anche oggi. Gli appalti sui quali si sta concentrando l’attivita’ investigativa riguardano 13 societa’ che hanno ottenuto lavori dal 2019 al 2021.

Oltre agli atti delle gare, gli investigatori stanno acquisendo anche mail e chat per verificare tutti i passaggi, anche interlocutori, relativi agli appalti sospetti. L’inchiesta e’ quella a carico dell’ex capo della Protezione civile Mario Antonio Lerario, in carcere dal 23 dicembre scorso dopo aver intascato due presunte tangenti da altrettanti imprenditori, anche loro arrestati.

Promo