Lo stabilimento Tessitura del gruppo Albini a Mottola in crisi, il sen. Turco (M5S): “Probabile passaggio di società, tutelare i lavoratori”

“Per la crisi dello stabilimento Tessitura sono in corso interlocuzioni che lasciano presagire un esito positivo della vertenza”. Lo afferma il senatore Mario Turco, vicepresidente del Movimento 5 Stelle ed ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, in riferimento alla vertenza che coinvolge i 114 lavoratori dello stabilimento Tessitura di Mottola del Gruppo Albini in cassa integrazione straordinaria. Il sito è stato chiuso e l’azienda messa in liquidazione.

“Ho favorito -spiega Turco- l’apertura di un tavolo preliminare di discussione presso il Mise, che si terrà nei prossimi giorni alla presenza della Viceministra Alessandra Todde, per definire un possibile percorso e chiudere la vertenza in corso”. Turco sottolinea che “il processo di riconversione economica, sociale e culturale avviato con il progetto Cantiere Taranto, iniziato con il Governo Conte II, verte anche sulla capacità di attrarre nuovi investimenti produttivi cercando di risolvere le crisi aziendali aperte. In questo caso, a Taranto per la prima volta si potrebbe osservare l’esito positivo di una vertenza aziendale risolta in poco più di un anno, con relativo assorbimento dei lavoratori”.

Il senatore giudica “probabile il passaggio di società. Occorre adesso attendere gli eventi lavorando in squadra affinché si vinca tutti insieme questa difficile sfida. È il momento di dare risposte certe e concrete ai 114 lavoratori che tra pochi mesi saranno fuori da qualsiasi tutela salariale”.

Promo