Brindisi, scafo sequestrato ai trafficanti di droga e donato all’Associazione “Don Luciano per i giovani”

Un’imbarcazione usata per il traffico di droga e sequestrata dalla Guardia di Finanza di Brindisi è stata donata dal tribunale brindisino all”Associazione don Luciano per i giovani’, impegnata nella lotta alle tossicodipendenze. La consegna è avvenuta questa mattina a Brindisi, nella caserma della sezione operativa navale della Finanza, a conclusione della cerimonia di commemorazione per il 22esimo anniversario della morte del vice brigadiere Alberto De Falco e del finanziere scelto Antonio Sottile, alle porte di Brindisi, nei pressi del santuario di Jaddico.

L’auto dei finanzieri, nella notte fra il 23 e il 24 febbraio 2000, venne speronata da un mezzo blindato in uso a una delle squadre contrabbandiere attive nel Brindisino. Rimasero feriti i finanzieri Edoardo Roscica e Sandro Marras “Questa imbarcazione viene messa a disposizione dell’associazione e dei ragazzi che ne potranno beneficiare per capire il senso dello Stato e del nostro impegno verso la società”, ha detto il comandante regionale della Guardia di Finanza, il generale di divisione Francesco Mattana.

“Date senso e valore a quello che stiamo facendo per circa 200 ragazzi che seguiamo”, ha detto don Luciano Cassano della parrocchia San Nicola di Bari.

Promo