Contenzioso legale tra Ferrovie Appulo Lucane e alcuni dipendenti, il sindacato Usb annuncia: “Ancora due ricorsi vinti”

“Nella giornata del 24 Febbraio 2022, altre due sentenze sono entrate nel novero dell’oramai granitica e consolidato orientamento sulle retribuzioni spettanti ai Lavoratori durante le ferie”. È quanto annunciato dal sindacato Usb circa il contenzioso aperto da alcuni dipendenti nei confronti di Ferrovie Appulo Lucane su questioni riguardanti la retribuzione nel periodo di ferie.

“Come USB abbiamo intrapreso questa vertenza -si legge ancora nella nota- a partire dallo scorso 2019, quando abbiamo assistito i Lavoratori nelle procedure di notifica ed invio dei reclami gerarchici a FAL; e non avendo ricevuto alcun riscontro dalla Società ci siamo visti costretti a procedere con la via giudiziaria e tramite il nostro legale Avv. Daddabbo, ad oggi abbiamo depositato presso il Tribunale di Bari oltre cinquanta ricorsi.

Ieri la prima sentenza riguardante i primi due dei cinquanta Lavoratori sostenuti dalla USB: al Dipendente che va in ferie spetta una retribuzione che tenga conto delle indennità percepite durante le giornate normali di lavoro.
Ma non è tutto: Ferrovie Appulo Lucane oltre a riconoscere quanto spetta di diritto ai Lavoratori, è stata condannata alle spese di lite pari a circa 980,00 Euro per ogni singolo giudizio.
Un orientamento che già da adesso ci da modo di prevedere le ingenti spese processuali che dovrà sostenere FAL nei prossimi mesi”, conclude il sindacato.

Promo