Capitale Italiana della Cultura, domani le audizioni delle città finaliste. Mesagne in corsa

Al via da domani le audizioni in diretta streaming sul canale YouTube del MiC delle dieci città finaliste per l’edizione del titolo di Capitale italiana della cultura 2024, che si terranno il 3 e 4 marzo. Le Città selezionate – Ascoli Piceno, Chioggia (VE), Grosseto, Mesagne (BR), Pesaro, Sestri Levante con il Tigullio (GE), Siracusa, Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento (SA), Viareggio (LU) e Vicenza – verranno audite in ordine alfabetico, in video-conferenza, dalla Giuria presieduta da Silvia Calandrelli.

Le città avranno a disposizione trenta minuti per presentare la propria candidatura, seguita da una sessione di ulteriori trenta minuti per le domande della commissione. Il bando prevede che entro il 29 marzo 2022, la commissione proporrà al Ministro della cultura, Dario Franceschini, la candidatura ritenuta più idonea a essere insignita del titolo di Capitale italiana della cultura per l’anno 2024.

Il titolo di Capitale italiana della cultura è conferito per la durata di un anno e la città vincitrice riceverà un milione di euro. Negli anni il titolo di Capitale della Cultura è stato assegnato alle Città di Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena nel 2015; Mantova nel 2016; Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018, Parma nel 2020 e nel 2021, Procida è la capitale del 2022, Bergamo e Brescia saranno le capitali nel 2023.

Il calendario delle audizioni dei Comuni, delle Città Metropolitane e delle Unioni di Comuni Finalisti, prevede il 3 marzo, dalle 9 alle 17.30 le audizioni riguardanti le candidature di Ascoli Piceno, Chioggia, Grosseto, Mesagne, Pesaro, Sestri Levante con il Tigullio. Il 4 marzo, dalle 9 alle 13.45 sono invece prevista le audizioni su Siracusa, Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento, Viareggio e Vicenza.

Promo