Truffe agli anziani, aumentano i casi, la Questura di Taranto diffonde un video

226 Visite

La Questura di Taranto ha registrato negli ultimi giorni un incremento delle telefonate alla sala operativa 113 da parte di cittadini che segnalano truffe o tentativi di truffa ai danni degli anziani. Le tecniche adottate sono differenti ma quella più ricorrente è risultata essere la telefonata del falso nipote o del sedicente dipendente dell’Ufficio Postale che chiede al nonno o allo zio anziano di pagare, in contanti e se non sufficienti anche con monili in oro, un pacco postale che da lì a poco gli sarebbe stato consegnato da un falso corriere.

Altro sistema adottato dai malfattori per trarre in inganno il malcapitato di turno è quello del sedicente avvocato che si presenta alla porta dell’anziano e pretende una cospicua somma di denaro in contanti e preziosi per difendere il congiunto, normalmente il figlio o il nipote, che poco prima aveva investito con la propria autovettura una donna oppure per risarcire i danni causati in un precedente incidente stradale.

Sono stati registrati anche diversi tentativi di truffa tramite telefono, dove falsi operatori hanno convinto anziani a digitare sul proprio smartphone il codice PIN del proprio bancoposta. A seguito delle credenziali incautamente fornite, i malviventi effettuano diversi acquisti a danno del malcapitato che solo in seguito si rende conto di essere stato raggirato.

La Questura di Taranto ha realizzato e diffuso un video con i consigli agli anziani per tutelarsi da truffe e raggiri, ricordando innanzitutto che “nessun ente o azienda di pubblica utilità manda personale a casa per il pagamento delle bollette o per rimborsi” e che “per qualunque problema e per chiarire qualsiasi dubbio” è bene chiamare “subito il numero gratuito 113”.

https://www.facebook.com/questuraditaranto/?ref=page_internal

Promo