Bidello suicida dopo litigio con la collega a Bitetto, inquirenti ipotizzano tentato omicidio

[epvc_views]

Tentato omicidio è il reato ipotizzato al momento dalla Procura di Bari in relazione al ferimento di una collaboratrice scolastica di un istituto comprensivo di Bitetto, nel Barese, durante un litigio con un collega il quale, subito dopo, si è tolto la vita lanciandosi dal terrazzo della scuola. La pm di turno Angela Maria Morea si è recata sul posto con i carabinieri per un sopralluogo.

La bidella, hanno ricostruito fino a questo momento gli investigatori, sarebbe stata colpita con un corpo contundente, che non è stato ancora trovato, riportando ferite alla testa. È attualmente ricoverata nell’ospedale Di Venere di Bari. A quanto si apprende è in prognosi riservata ma vigile e non sarebbe in pericolo di vita. Dopo il litigio, il collega presunto aggressore, un 61enne, è salito al quarto piano della scuola e, dal terrazzo, si è lanciato nel vuoto.

Gli inquirenti non hanno dubbi sul fatto che si sia trattato di un suicidio. L’ipotesi di reato di tentato omicidio ai danni della lavoratrice, anche se il presunto aggressore è deceduto, è un atto dovuto per svolgere gli accertamenti. Quando le condizioni di salute della donna lo consentiranno, gli investigatori la ascolteranno per raccogliere la sua versione dei fatti. Nel frattempo stanno sentendo docenti e altre persone che potrebbero fornire elementi utili a comprendere motivi del litigio e dinamica.

Promo