Fabrizio Bentivoglio domina la scena di Molfetta con una lettura clandestina, intima e solitaria

[epvc_views]

Ha avuto luogo a Molfetta la prima nazionale di “Lettura clandestina. La solitudine del satiro Ennio Flaiano” che ha visto in scena l’attore Fabrizio Bentivoglio accompagnato da Ferruccio Spinetti al contrabbasso.
Lo spettacolo è il secondo appuntamento del cartellone dedicato a teatro- musica della Fondazione Valente presieduta da Marcello Carabellese e che vede in qualità di direttore artistico Sara Allegretta.
Si è trattato di reading teatrale musicale, uno spettacolo prodotto da AidaStudio Produzioni in collaborazione con Bubba Music, e distribuito in esclusiva da Elena Marazzita Producer per AidaStudio Produzioni.

Bentivoglio ha portato in scena il pensiero di Ennio Flaiano attraverso la lettura di estratti da “La solitudine del satiro”, raccolta postuma di articoli di giornali, scritti personali, appunti di vita ironici, profondi, provocatori e commoventi.
Ennio Flaiano è stato protagonista di primissimo piano della vita intellettuale italiana, soprattutto in quel periodo fecondo che dalla fine della guerra attraversa il boom economico e porta fino alla fine degli anni Sessanta. Attraverso una pungente satira si esaminano vizi e virtù della società del tempo.

Lettura clandestina ha restituito, grazie ad una impeccabile recitazione, alcuni tra gli innumerevoli articoli che Flaiano scrisse per giornali e riviste, selezionati e letti da Fabrizio Bentivoglio con il contrappunto del contrabbasso di Ferruccio Spinetti per raccontarne la figura, e tramandare fino al presente la figura di un uomo che, come pochi altri, ha saputo raccontare l’Italia per ciò che, incredibilmente, ancora oggi è.

Il progetto nasce da un’idea di Fabrizio Bentivoglio, che è riuscito con la sua voce e la sua presenza scenica a dominare il palco fornendo una visione dell’Italia che fu per arrivare meglio a comprendere il presente.
Una piece teatrale- musicale non semplice, proprio per come è stata impostata.
Uno spettacolo che ha nella sua genesi un lungo lavoro di ricerca e raccolta da parte di F. Bentivoglio delle parole, riflessioni, frammenti di pensiero di Ennio Flaiano, per cercare un nesso, un filo, una storia dell’anima dell’Italia da proporre allo spettatore ed invitarlo alle proprie riflessioni.
L’attore ha voluto invitare lo spettatore a riflettere sulle vicende italiane, ma anche a scandagliare l’animo tormentato di ciascuno di noi.

Ad alleggerire il clima e la riflessione, le suggestioni musicali suonate dal vivo, protagoniste insieme alle parole in una delicata armonia. Brani di svariata ispirazione eseguiti da Ferruccio Spinetti, nome noto del panorama musicale, contrabbassista degli Avion Travel fino al 2006 e del duo Musica Nuda con Petra Magoni, che ha saputo far viaggiare lo spettatore nei generi musicali varcando confini spazio – temporali.

A conclusione della serata, il direttore artistico Sara Allegretta ha presentato i prossimi appuntamenti in cartellone a partire da quello del 2 luglio con Mizio Vilardi e Orazio Saracino in “Concerto per sognatori”.

Promo