Si introduce di notte in chiesa di Fragagnano per rubare e devasta tutto, denunciato 38enne

[epvc_views]

Grande sconcerto tra gli abitanti di Fragagnano, località nel versante est della provincia di Taranto, per un episodio riprovevole. La notte scorsa un ladro si è introdotto furtivamente nella chiesa Santa Maria Immacolata sita nel centro del piccolo comune per rubare denaro dalle cassette delle offerte, oggetti e arredi sacri dal luogo di culto. Dopo aver forzato una finestra –manovra per cui è rimasto ferito-, il malvivente è penetrato nella chiesa per derubare tutto quello che gli si presentava alla vista. Non contento del bottino sottratto, il ladro ha tentato di accedere all’ufficio parrocchiale, non riuscendoci ha fatto un buco nel muro.

Insomma, la chiesa di Maria Santissima Immacolata situata in via Regina Margherita è stata completamente profanata e saccheggiata dall’uomo che, nella sua furia criminale nel saccheggiare all’interno della chiesa, ha distrutto la struttura religiosa: porte divelte, vetrate in frantumi e buchi nelle pareti. La foga del ladro nell’ispezionare e devastare le aree della chiesa ha destato allarme e allertato alcuni abitanti residenti nelle adiacenze a causa dei rumori provenienti dalla sede religiosa. Di qui la segnalazione di un cittadino alle forze dell’ordine che riferiva del furto in corso.

Intervenuti tempestivamente sul posto, i Carabinieri della Stazione di Fragagnano non hanno colto il ladro sul fatto, il quale si era già dileguato. In breve tempo, i militari sono riusciti a rintracciare il malvivente, trattasi di un marocchino di 38 anni, conosciuto in paese come ligio lavoratore, e a trarlo in manette. Recuperata anche parte della refurtiva, di esiguo valore. Non ancora quantificati i danni cagionati dall’extracomunitario alla chiesa gestita dal parroco don Santo Guarino che, stando ai primi rilievi, ammonterebbero a qualche migliaio di euro per ripristinare le vetrate decorate rotte e i buchi alle mura della struttura di culto.

Espletate le formalità di rito, il 38enne del Marocco è stato denunciato a piede libero dal P.m. di turno che non ha emesso convalida del provvedimento di arresto.

Promo