Caro gasolio, alla protesta dei pescatori di Monopoli si affiancano i tir dei grossisti

[epvc_views]

Continua anche in Puglia la protesta dei pescatori per il caro gasolio. Questa mattina un centinaio di pescatori di Monopoli, nel Barese, una delle marinerie più grandi della regione, sta protestando davanti ai cancelli dell’area mercantile. Le loro imbarcazioni e pescherecci sono fermi ormai da tre settimane. Ai pescatori oggi si sono aggiunti alcuni camion di grossisti.

“Aspettiamo risposte dopo tante promesse senza soluzioni reali e concrete -dice Cosimo Marasciulo, armatore e pescatore, presidente del Consorzio Mare Blu di Monopoli-. Chiediamo un tetto massimo sul costo del gasolio, che è arrivato a 1.23 euro, di 50 centesimi. Ormai da Ancona in giù tutte le marinerie d’Italia stanno protestando e continueremo a oltranza fino a quando arriveranno risposte. Ci sono alcuni lavoratori -aggiunge Marasciulo- che aspettano ancora i ristori per i fermi biologici del 2020 e del 2021, dei 3 milioni di euro promessi dalla Regione Puglia non c’é ancora traccia e anche il fondo per la cassa integrazione annunciato dal Governo non risolve il problema”.

Promo