Rete Ferroviaria Italiana, con il raddoppio Termoli – Lesina da 80 a 200 treni al giorno

[epvc_views]

“Con il completamento del raddoppio di binario tra Termoli e Lesina, opera strategica per la mobilità del Paese, si passerà dagli attuali 80 treni al giorno a circa 200”. Lo ha detto l’amministratrice delegata di Rete Ferroviaria Italiana Vera Fiorani intervenendo a Termoli alla firma del protocollo di legalità col Ministro dell’Interno Lamorgese, le Prefetture di Campobasso e Foggia, il Gruppo FS Italiane e le organizzazioni Sindacali di categoria. Obiettivo è prevenire e contrastare i tentativi di infiltrazioni della criminalità organizzata in materia di appalti, servizi e forniture pubbliche.

“Il progetto di raddoppio del binario Termoli-Lesina -evidenzia Rfi-consentirà di incrementare la capacità e la regolarità del traffico ferroviario su tutta la Direttrice Adriatica con una riduzione dei tempi di percorrenza di circa 40 minuti tra Bologna e Bari e di circa 60 minuti fino a Lecce”. L’investimento complessivo per l’intero progetto di raddoppio dei 33 chilometri della Termoli – Lesina è di 700 milioni di euro e prevede la realizzazione di una nuova linea a doppio binario, parte in affiancamento e parte in variante.

“L’intervento -ha aggiunto Fiorani- consentirà di aumentare anche il traffico merci e di accorciare ulteriormente le distanze tra il Nord e il Sud del Paese”. Il protocollo ratifica la collaborazione fra le Prefetture e Rfi per vigilare sul rispetto della legalità nei contratti pubblici, sviluppando, in aggiunta agli standard richiesti dalla normativa, “ulteriori e ancora più stringenti forme di controllo, scambio di informazioni e procedure che ne garantiscano la trasparenza”.

I lavori per il lotto Ripalta-Lesina partiranno verso metà luglio, al termine della bonifica degli ordigni bellici attualmente in corso. Il lotto si concluderà nel 2025. “Per il lotto Termoli-Ripalta -conclude l’ad Vera Fiorani- siamo in attesa delle indicazioni del Tar in merito all’interdittiva antimafia nei riguardi di un’azienda che si è aggiudicata l’appalto. Il Tribunale ha nominato un Commissario e siamo in attesa di conoscere le valutazioni di merito per poter procedere eventualmente con la stipula del contratto e la consegna delle prestazioni. Se ci saranno le condizioni contiamo di ultimare l’opera entro il 2027. Questo protocollo è una bandiera del nostro percorso”.

Promo