Il ministro Giovannini inaugura all’aeroporto di Brindisi la prima torre di controllo remoto in Italia. La dirige una donna

[epvc_views]

È stata inaugurata oggi a Brindisi, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, la prima Torre di controllo remota d’Italia. L’inaugurazione è avvenuta presso il centro Enav dell’aeroporto del Grande Salento. La sala della Torre di controllo remota (Remote digital tower) gestita dall’Enav si trova all’interno dello scalo e permette di controllare il traffico aereo, dal decollo all’atterraggio alla movimentazione, tramite un Remote tower module (in sigla Rtm) che ricostruisce la visuale attraverso le immagini riprese da18 telecamere e trasmesse su13 monitor ad alta definizione.

Aeroporti: Isgrò, una donna al comando della prima torre digitale
“La giornata di oggi è simbolica. Se guardiamo alle nostre spalle rivediamo due anni difficili. Ed il comparto del quale noi facciamo parte è uno di quelli che ha subito più di tutti uno shock profondo. Oggi poniamo una pietra angolare del futuro della nostra azienda”. Lo ha detto a Brindisi la presidente del Cda di Enav, Francesca Isgrò, all’inaugurazione della torre di controllo digitale. “Questa è un’innovazione che offriamo al trasporto aereo ma anche al territorio. Ci tengo particolarmente -ha rimarcato- a fare un grande in bocca a lupo a Laura Del Vecchio, responsabile della torre di controllo di Brindisi, professionista seria e preparata. Laura Del Vecchio è stata la prima donna ad assumere questo ruolo, ed ora è anche la prima a gestire la torre digitale”.

“La torre digitale di Brindisi è il risultato del lavoro congiunto delle persone di Enav, dei nostri tecnici, operativi e manager, supportati da un Consiglio di amministrazione che, fin dal giorno dell’insediamento – ha rilevato – aveva ben chiara l’importanza strategica dei progetti di sviluppo di Enav”. “Il nostro obiettivo -ha aggiunto l’Ad di Enav, Paolo Simioni, è rendere sempre più efficiente lo spazio aereo, infrastruttura intangibile ma indispensabile per creare un volano di sviluppo virtuoso dell’economia dei territori ed un bilanciamento di crescita a livello nazionale”.

“Grazie alle nuove tecnologie e alla professionalizzazione delle nostre persone stiamo migliorando i servizi senza costi aggiuntivi per l’utenza”.

Promo