Alta Velocità Bari-Napoli, abbattuto ultimo diaframma della Galleria Monte Aglio

235

È stato abbattuto oggi l’ultimo diaframma nella Galleria Monte Aglio, tappa fondamentale per il completamento della linea Alta Velocita’/Alta Capacita’ Napoli – Bari che consentirà entro il 2024 di realizzare il collegamento diretto tra il capoluogo campano e quello pugliese.

La nuova linea, parte integrante del Corridoio ferroviario europeo Ten-T Scandinavia – Mediterraneo e finanziata anche con i fondi del Pnrr, rappresenta la prima e più avanzata opera che il Polo Infrastrutture del Gruppo FS sta realizzando per il potenziamento della rete ferroviaria nel Sud Italia. Il suo completamento velocizza e migliora il collegamento diretto trasversale tra il Tirreno e l’Adriatico, migliorando le connessioni della Puglia e delle province campane più interne con la linea Av/Ac Milano – Roma – Napoli.

L’abbattimento dell’ultimo diaframma unisce i due fronti di scavo della Galleria Monte Aglio, consentendo il completamento di un tunnel lungo 4 km che unisce Maddaloni e Valle di Maddaloni. Gli interventi sull’intera tratta Cancello – Frasso Telesino consistono nel raddoppio e nella velocizzazione della linea per una lunghezza di circa 16 km, sviluppandosi con una nuova linea tra Cancello e Valle di Maddaloni (6 km) e ripercorrendo l’attuale tracciato per la tratta Valle di Maddaloni – Frasso Telesino (9 km). Inoltre, é prevista la realizzazione delle nuove fermate Valle Maddaloni e Frasso Telesino/Dugenta.

Grazie al completamento della galleria e delle altre opere civili lungo la tratta, con la prima fase di attivazione della Cancello – Frasso Telesino, entro il 2024 sarà possibile realizzare il collegamento diretto tra Napoli e Bari sfruttando le interconnessioni con la linea esistente Roma – Napoli via Cassino. I lavori della tratta Cancello – Frasso Telesino sono stati affidati da Rfi al Consorzio Cft costituito dalle imprese Impresa Pizzarotti & C. – Itinera – Ghella per un importo complessivo di 340 milioni di euro, il tutto sotto la Direzione lavori di Italferr.

Gli interventi di scavo sono stati realizzati con metodi tradizionali adottando sistemi di monitoraggio che hanno consentito di lavorare in piena sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Complessivamente l’avanzamento dei lavori sulla tratta e’ pari al 60%.

Promo