Muore a 52 anni nel giorno del suo compleanno, donati gli organi a San Giovanni Rotondo

[epvc_views]

“Siamo consapevoli come credenti che la morte fa parte della vita e che noi dobbiamo solo percorrere il cammino che Dio ha tracciato per noi. Il gesto di mia madre sia di esempio per coloro che ancora oggi sono restii alla scelta volontaria della donazione di organi”. Sono le parole di Isa, figlia di Loreta, la donna di 52 anni morta nel giorno del suo compleanno, lo stesso in cu sono stati prelevati e donati i suoi organi.

La 52enne era stata trasportata d’urgenza alcune settimane fa nell’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo (Foggia) per sospetto ictus. Le sue condizioni sono peggiorate e la donna non ce l’ha fatta. “Era suo il desiderio di donare gli organi e credeva fortemente in questa azione profondamente altruista”, dicono i familiari. Così, ha donato il suo cuore, i reni, il fegato, i polmoni e le cornee che hanno dato vita nuova ad altre otto persone.

“Lei non c’è più, ma il suo dono ha ridato speranza ad altre persone e con questo gesto accettare la sua assenza sarà un po’ più semplice”, conclude la figlia.

Promo