A Nardò arrivati i primi braccianti extracomunitari stagionali nel Centro Boncuri

[epvc_views]

Sono 76 e sono i primi braccianti extracomunitari a essere ospitati nel campo di accoglienza di Boncuri a Nardò (Lecce), che ha riaperto i battenti per la stagione estiva 2022. Il numero degli ospiti verosimilmente crescerà nei prossimi giorni con l’intensificarsi della raccolta di frutta e ortaggi e quindi con l’arrivo di nuove unità lavorative sul territorio. Ammonta a 300mila euro il contributo che la Regione Puglia ha messo a disposizione per l’operatività del campo.

Il servizio di custodia e gestione della struttura (70 giorni, 24 ore su 24) è stato affidato alla sezione di Novoli (gruppo Nardò) del corpo nazionale giovani esploratori ed esploratrici italiani. Il servizio mensa è stato affidato alla fondazione “Fare Oggi”, braccio operativo della Caritas della Diocesi di Nardò Gallipoli con sede a Galatone e funzionerà a partire da lunedì.

“In linea con le tempistiche programmate, dettate dagli arrivi dei braccianti extracomunitari sul nostro territorio -evidenzia il sindaco di Nardò Pippi Mellone-, riapre il campo di Boncuri, baluardo di accoglienza, legalità, rispetto della dignità umana. Questa, ancora una volta, è la dimostrazione concreta della felice collaborazione tra Prefettura, Regione Puglia, Comune di Nardò e altri attori istituzionali e sociali del territorio. La foresteria ha spedito per sempre nel dimenticatoio le tristi rappresentazioni di degrado che hanno segnato la città sino a pochissimi anni fa. Una settantina di lavoratori da ieri sono ospiti nel campo, altri arriveranno nei prossimi giorni, in una cornice di ordine e legalità. Non esiste più, fatti alla mano, il sistema emergenziale che per trent’anni ha vessato i lavoratori e sporcato l’immagine della nostra città”.

Il campo ospita i braccianti extracomunitari in regola con i documenti di soggiorno e iscritti nelle liste dei lavoratori del settore agricolo.

Promo