A Lecce centro residenziale disturbi alimentari, la presidente del Consiglio Regionale Capone: “Un grande risultato per la Puglia”

231 Visite

“Lecce avrà il suo centro residenziale h24 per la cura dei disturbi alimentari. È stata una battaglia lunga, che ci ha visto in campo per settimane, mesi, anni, e finalmente il 14 giugno scorso, dopo numerose sollecitazioni, il progetto definitivo è arrivato sui tavoli della Regione insieme alla bellissima notizia dei due milioni di euro, uno per il 2022 e uno per il 2023, assegnati alla Puglia in sede di Conferenza Stato-Regioni”.

Lo annuncia in una nota la presidente del Consiglio regionale, Loredana Capone ricordando che “stamattina, l’assessore alla Salute, Rocco Palese, in Consiglio regionale, commentando una vecchia mozione del presidente Pagliaro, ha confermato pubblicamente l’impegno della Giunta e assicurato la massima disponibilità a mettere in campo la dotazione di personale necessaria a consentirne l’apertura. Un grande risultato per la Puglia che consentirà a tante famiglie, già provate dal dolore, di curare i propri cari restando nella propria regione senza sopportare ulteriori costi economici, psicologici e sociali”.

“Perché -aggiunge- non ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B e anche la Puglia deve avere il suo centro residenziale. Un ringraziamento particolare a chi ci ha sempre creduto e non ha mai mollato, alla dottoressa Caterina Renna, responsabile del centro leccese, e a tutte e tutti i professionisti dal cuore immenso che lavorano ogni giorno al suo fianco”.

Promo