Amati (PD): “ArcelorMittal ha ucciso l’indotto, lo Stato gestisca lo stabilimento di Taranto”

121

“La decisione di ArcelorMittal punta a usare un omicidio già eseguito, quello dell’indotto, per pretendere liquidità dallo Stato. Nemmeno un euro può andare a un’azienda che si comporta così. Un’azienda che in Francia si approccia a gestire gli stabilimenti in nome della decarbonizzazione e con un rapporto di collaborazione con lo Stato, mentre in Italia pretende di avere dalle tasse dei cittadini la liquidità necessaria a produrre”. Così Fabiano Amati, Presidente della Commissione Bilancio e programmazione della Regione Puglia.

“Questo non può essere un programma industriale da avallare e spero che il Governo non si faccia imbrigliare. Se Arcelor Mittal non è in grado di assicurare risorse per la produzione, la smetta di minacciare e lasci davvero l’acciaieria di Taranto; nel frattempo sia lo Stato a gestire lo stabilimento, con i suoi valorosi manager già presenti nella compagine, in attesa di scegliere un nuovo gruppo con intenzioni veramente innovative e produttive”.

Promo